I forasacchi

Forasacchi: un pericolo per i nostri cani

Sappiamo che magari in questo periodo le lunghe passeggiate con i nostri cani non sono fattibili, ma arriverà anche quel momento e sembra mancare davvero poco! Quando si arriva nel periodo della primavera inoltrata si ricomincia sempre a parlare di un pericolo da non sottovalutare per i nostri amici a 4 zampe: i forasacchi!

Si tratta di spighe simili a quelle del frumento che possono crescere nei campi, nei prati e ai bordi delle strade. Iniziano a spuntare dal mese di giugno e noi compagni di cani dovremmo fare molta attenzione soprattutto durante l’estate.

Intanto c’è da dire che i forasacchi non sono pericolosi quando sono verdi e freschi, ma diventano tali, quando sono secchi. Li potrete riconoscere per la forma di spiga e per il colore giallo dorato che assumono.

I forasacchi si attaccano al pelo e, con il movimento del cane, possono penetrare all’interno del corpo, come se si muovessero. I forasacchi possono penetrare in tutte le parti del corpo dell’animale, ma, intervenire tempestivamente è relativamente più semplice se sul pelo sono visibili, mentre quando si infilano nelle orecchie, nel naso o negli occhi, i cani corrono dei seri pericoli.

Quali precauzioni e cosa fare…

Le zone del cane da tenere sotto controllo in particolare sono:

  • orecchie
  • naso
  • bocca
  • zampe (controllate minuziosamente gli spazi tra le dita e tra queste e il cuscinetto)
  • tra le zampe (logge ascellari)
  • regione inguinale
  • sotto la coda
  • genitali

Un forasacco che penetra nelle orecchie del cane può provocare otiti molto gravi e lesionare il timpano. Nel naso invece i forasacchi possono portare a serie infiammazioni e infezioni, con conseguente perdita di sangue.

Per aiutare il cane a difendersi dalla presenza del forasacco si possono prendere alcune precauzioni:

  • tenere lontani i cani dalle aree verdi in cui siano visibili grandi quantità di erbacce;
  • controllare minuziosamente il cane dopo ogni passeggiata (o, anche a metà del percorso);
  • rimuovere all’istante tutti i forasacchi presenti sul pelo;
  • durante il periodo “incriminato” è opportuno spazzolare il cane più del solito e comunque sempre dopo ogni passeggiata.

Se ci accorgiamo che il forasacco sta entrando nella cute, possiamo facilmente estrarlo con una piccola pinza. Se è gia entrato evitiamo di improvvisare e andiamo di corsa dal veterinario.
Se il corpo estraneo non ha compiuto molta strada, il veterinario ha modo di intervenire con una speciale pinza che gli permette di estrarre il forasacco. Se questo non dovesse essere possibile, si deve ricorrere alla sedazione dell’animale per sottoporlo a un’operazione.

Corrono maggiori rischi i cani che vivono in zone di campagna, in particolar modo quelli dotati di pelo fitto e lungo, ma tutti i nostri amici a quattro zampe possono essere interessati dal problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *