“Lo ha detto Fabio…” – Le Aspettative

“Che aspettative ho nei confronti del mio cane?”

Ogni anno centinaia di persone vengono presso il nostro centro chiedendoci come fare a risolvere alcune difficoltà che hanno con il proprio cane. Ci chiedono come si possa fare ad evitare che il cane abbai, ad evitare che il cane tiri al guinzaglio, ad evitare che mi salti addosso, ad evitare che scappi via.

A tutte queste domande solitamente chiedo: “Cosa dai al tuo cane?” oppure “In che modalità ascolti il tuo cane?” e ancora “Che tipo di aspettative hai nei suoi confronti?”.

L’ultima forse è una delle domande che bisognerebbe porci per prima. Nel quotidiano già con i nostri conspecifici ci accorgiamo che le aspettative possono rovinare un rapporto intimo: viviamo con la convinzione che il nostro partner (amico, compagno, parente) non faccia a caso nostro solo perché non ha fatto o detto una determinata cosa che noi ci aspettavamo. Viviamo insistentemente con questa convinzione e facciamo la stessa identica cosa con il nostro cane: pretendiamo che faccia una determinata azione o si comporti in un determinato modo, solo perché noi lo vogliamo.

C’è una frase di una nota cantante che dice “Prima di pretendere qualcosa, prova a pensare quello che dai TU…”.

Ecco dove bisogna riflettere: ascolto realmente i bisogni del mio cane? Mi affido a qualcuno competente nel settore affinché io riesca a capire come comunica il mio cane?

Ogni singolo comportamento negativo assunto dal mio cane ci rende nervosi e impazienti. Ci aspettiamo che questo venga compreso dal cane e modificato in completa autonomia, non riflettendo che ogni cane è un individuo unico, che ogni cane ha dei tempi ben precisi che vanno rispettati, che ogni cane ha necessità differenti.

Quello che ci aspettiamo raramente si verifica. Quello che meno ci aspettiamo di solito accade.
Benjamin Disraeli, Henrietta Temple, 1837

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *