L’Apprendimento Collaborativo

Quando accogliamo in casa il nostro amico a 4 zampe decidendo di dividere con lui tempo, spazi, affetti e vita, tendiamo di aspettarci una collaborazione istintiva e spontanea, pensando, romanticamente, che per lo sviluppo dell’intesa con lui sia sufficiente un gioco di sguardi.

In realtà, nella maggior parte dei casi la collaborazione che ci aspettiamo è possibile, ma va costruita attraverso il tempo, la dedizione e la pazienza, perché la collaborazione proposta dal cane, comunque presente, può non coincidere con quella che noi desideriamo.

Diventa allora fondamentale orientare fin dall’inizio le tendenze comportamentali del nostro compagno attraverso un programma di apprendimento che gli definisca cosa ci aspettiamo da lui. E affinché le nostre richieste non gli generino frustrazione, ma al contrario lo rendano equilibrato e fiducioso, il programma di apprendimento che gli proponiamo deve essere impostato in maniera chiara e consapevole e basato su quello che definiamo un Apprendimento Collaborativo.

L’apprendimento collaborativo è basato sui seguenti aspetti di base della cinofilia moderna:

  • Ricompensa: il cane ripete i comportamenti per i quali riceve una gratificazione/premio (cibo, gioco, coccole, “Bravo”)
  • Motivazione: il comportamento del cane è teso a soddisfare i suoi bisogni naturali ed istintivi (fame/cibo; socialità/gioco-coccole)
  • Divertimento: il cane apprende più rapidamente, quanto più si diverte nell’esecuzione di quello che fa
  • Coinvolgimento: per sviluppare un’abilità il cane deve essere direttamente coinvolto nell’apprendimento
  • Progressione graduale:  lo sviluppo di abilità, comportamenti ed atteggiamenti positivi deve seguire una tempistica sequenziale a difficoltà crescenti
  • Obiettivo focalizzato: un obiettivo poco chiaro genera demotivazione e resistenza, quindi dobbiamo stabilire in anticipo cosa vogliamo dal nostro cane, comunicarglielo in modo chiaro, essere coerenti con l’obiettivo stabilito, essere pazienti nell’attesa della sua risposta e, infine, premiarlo efficacemente quando raggiunge l’obiettivo.

Gli aspetti dell’apprendimento collaborativo sono pochi, semplici e tutti estremamente importanti per trasformare i comportamenti appresi in abitudini di vita indelebili.